Messaggi Popolari Sulla Salute

none - 2018

Il collegamento tra dolore e depressione

Rispettiamo la tua privacy.

Esistono connessioni profonde tra dolore cronico e depressione. Una persona che soffre di dolore cronico ha più probabilità di essere depressa rispetto a una persona benestante. E la connessione corre anche nella direzione opposta - le persone depresse hanno maggiori probabilità di lamentarsi di dolori e cronicità.

Gli studi hanno scoperto che le persone che si occupano di dolore cronico rischiano tre volte il rischio di sviluppare un disturbo dell'umore come depressione o ansia. Circa un terzo delle persone con dolore persistente soffre di depressione clinica.

Inoltre, le persone con depressione hanno tre volte il rischio di dolore cronico. "Quando le persone hanno una depressione cronica per un lungo periodo di tempo, circa la metà di loro svilupperà problemi di dolore cronico senza alcun chiaro danno a spiegare quel dolore", dice Michael Moskowitz, MD, assistente professore di clinica per il dipartimento di anestesiologia e medicina del dolore a l'Università della California, Davis e un membro del consiglio dell'American Pain Foundation.

Collegamenti di dolore e depressione

I medici ritengono che la struttura e la funzione del cervello umano costituiscano la base del legame tra dolore cronico e depressione:

Struttura del cervello. C'è una grande sovrapposizione tra le parti del cervello che trattano i segnali del dolore e le posizioni in cui si sviluppano i disturbi dell'umore. "Se osservi i nove punti del cervello in cui si verifica il dolore, sei di loro sono dove sperimentiamo disturbi dell'umore come depressione e ansia", dice il dott. Moskowitz.

Funzione cerebrale. Alcuni dei neurotrasmettitori che il il cervello usa per ricevere ed elaborare i segnali del dolore e sono anche usati per regolare l'umore. Questi includono serotonina e norepinefrina. Non è una coincidenza che la maggior parte dei farmaci usati per trattare i disturbi dell'umore siano risultati efficaci se usati per alleviare il dolore.

Il dolore cronico e la depressione cronica possono entrambi alterare la struttura e la chimica del cervello, con ogni condizione che influenza l'altro. Come spiega Moskowitz, "Il tuo cervello cambia ogni giorno della tua vita, con connessioni fatte e rotte tutto il tempo.Il cervello si rimodella tutto il tempo a causa dello stimolo che ottiene."

"Ciò che accade nel cervello è un tipo dell'espansionismo ", continua Moskowitz. "Le cellule nervose dedicate al dolore si diramano in una nuova area quando c'è dolore cronico, con l'umore e il dolore che condividono così tante aree, a volte sono una sorta di intrusione nelle rispettive aree."

Come gestire il dolore e la depressione

Come gestisci il dolore di fronte alla depressione cronica e come tratti la depressione in chi soffre di dolore cronico? Gli esperti medici ritengono che sia necessario trattare entrambe le condizioni contemporaneamente, con l'enfasi iniziale su quale sia il primo caso.

"Devi guardare a ciò con cui la persona si presenta", dice Moskowitz. "Se viene dall'umore, inizi prima con lo stato d'animo: se inizia da una ferita, inizi prima con la causa del dolore."

La gestione del dolore può essere raggiunta attraverso l'uso di farmaci per il dolore e terapia fisica , mentre si affronta anche la depressione attraverso l'esercizio fisico, la psicoterapia e i farmaci antidepressivi. Alcune tecniche come il rilassamento muscolare progressivo, la terapia cognitivo-comportamentale e la meditazione possono aiutare sia a gestire il dolore che la depressione.

L'obiettivo è aiutare il cervello a ricostituirsi da entrambe le condizioni croniche. "Stai riqualificando il cervello per tornare a uno stato più normale", dice Moskowitz. Ultimo aggiornamento: 3/4/2010

Pubblica Il Tuo Commento