Messaggi Popolari Sulla Salute

none - 2018

Perché dovresti trattare la solitudine come malattia cronica

Rispettiamo la tua privacy. Sensazione solitario non è la stessa cosa di essere soli.

Altro dal Dr. Gupta

Video: Rescue Dogs Aiuta i veterani con PTSD

Effetti emozionali del diabete

Paging Dr. Gupta: Ho bisogno di un medico di assistenza primaria ?

La solitudine è un'epidemia invisibile che colpisce 60 milioni di americani. Tutti si sentono soli a volte nelle loro vite, ma la solitudine cronica rappresenta un serio rischio per la salute. Una nuova ricerca suggerisce che la solitudine e l'isolamento sociale rappresentano una minaccia per la salute quanto l'obesità. Come sostiene Richard Lang, MD, presidente della medicina preventiva presso la Cleveland Clinic in Ohio, le persone hanno bisogno di occuparsi della solitudine nello stesso modo in cui farebbero la loro dieta, esercizio fisico o quanto sonno dormono. "

Secondo Il neuroscienziato sociale dell'Università di Chicago John Cacioppo, gli effetti dell'isolamento sociale o del rifiuto sono reali come la sete, la fame o il dolore. "Per una specie sociale, essere ai margini del perimetro sociale significa trovarsi in una posizione pericolosa", dice Cacioppo, coautore di Loneliness: Human Nature e Need for Social Connection. "Il cervello entra in uno stato di autoconservazione che porta con sé molti effetti indesiderati."

Quando il tuo cervello è in allerta, il tuo corpo risponde in modo gentile. I livelli mattutini dell'ormone dello stress cortisolo salgono perché ti stai preparando per un'altra giornata stressante. "Otteniamo un ciclo diurno più piatto in quel cortisolo, il che significa che non si spegnerà tanto di notte", dice Cacioppo. Di conseguenza, il sonno è più probabile che venga interrotto da micro-risvegli.

La ricerca di Cacioppo suggerisce che la solitudine altera effettivamente le espressioni genetiche, o "quali geni vengono attivati ​​e disattivati ​​in modi che aiutano a preparare il corpo per gli assalti, ma anche aumentare lo stress e l'invecchiamento del corpo. "Studi sugli animali hanno dimostrato che l'isolamento sociale altera i livelli di dopamina, un neurotrasmettitore che determina il comportamento impulsivo.

La combinazione di effetti tossici può compromettere le prestazioni cognitive, compromettere il sistema immunitario e aumentare il rischio per malattie vascolari, infiammatorie e cardiache. Gli studi dimostrano che la solitudine aumenta il rischio di morte prematura del 45% e la possibilità di sviluppare demenza in età avanzata del 64%. D'altro canto, le persone che hanno forti legami con la famiglia e gli amici sono a rischio di morire oltre il 50% in un determinato periodo di tempo rispetto a quelli con meno connessioni sociali.

Uno studio presentato all'Alzheimer's Association International dello scorso mese Conferenza a Washington, DC, ha rilevato che la solitudine è associata ad un declino cognitivo accelerato negli anziani. I ricercatori del Brigham and Women's Hospital e della Harvard Medical School hanno riferito che le persone più sole dello studio hanno sperimentato un declino cognitivo a un ritmo di circa il 20% più veloce in un periodo di 12 anni rispetto alle persone che non erano sole.

La ricerca della Brigham Young University ha pubblicato all'inizio di quest'anno suggerisce che il rischio per la salute associato alla solitudine o all'isolamento sociale è "paragonabile a fattori di rischio ben definiti" come l'obesità, l'abuso di sostanze, le lesioni e la violenza e la qualità ambientale. "Alla luce delle crescenti prove che l'isolamento sociale e la solitudine sono in aumento nella società, sembra prudente aggiungere isolamento sociale e solitudine a liste di preoccupazioni per la salute pubblica", secondo gli autori dello studio.

Non c'è nulla di insolito nel sentirsi soli. "È perfettamente comune per le persone sperimentare la solitudine quando i loro social network stanno cambiando, come andare all'università o trasferirsi in una nuova città", dice Harry Reis, professore di psicologia all'Università di Rochester. La morte di una persona cara o la discordia coniugale può anche innescare sentimenti di isolamento. Ma c'è una differenza tra lo "stato" temporaneo e la solitudine "trait" cronica.

"Molti dei pazienti che vediamo hanno avuto la solitudine situazionale che diventa cronica. Non sono stati in grado di ricostruire dopo una perdita, una mossa o un pensionamento ", dice lo psichiatra Richard S. Schwartz, MD, co-autore di The Lonely American: Drifting Apart nel XXI secolo. "Uno dei modi in cui la solitudine situazionale può diventare cronica è proprio a causa della vergogna che proviamo per la nostra solitudine - il senso che abbiamo di essere un perdente."

CORRELATO: La solitudine fa male alla salute

"C'è il concetto che le persone sole stiano facendo qualcosa di sbagliato", dice l'autrice Emily White, che ha raccontato la sua esperienza in Lonely: Learning to Live with Solitude. "Mancanza di abilità sociali ... mancanza di intelligenza ... meno atletico. Nozioni che non portiamo ad altre simili condizioni psicologiche come la depressione. "

Sentirsi soli non è la stessa cosa di essere soli. "Per alcune persone, anche se hanno ciò che all'esterno sembra un mondo sociale, la loro esperienza interna è la solitudine", dice Nadine Kaslow, PhD, professore di psichiatria e scienze comportamentali presso la Emory University School of Medicine e capo psicologo di Grady Health System, entrambi ad Atlanta.

Reis crede che la solitudine sia radicata nella qualità delle relazioni di una persona. "È una mancanza di ciò che chiamiamo interazione intima ... interazioni significative in cui le persone si connettono realmente con l'altra persona", dice.

Quindi cosa dovrebbe fare una persona solitaria?

In primo luogo, riconoscere la solitudine . La solitudine è spesso equiparata all'essere un perdente, "tenendo alta una L sopra la testa", dice Cacioppo. Le persone tendono a negare o nascondere la loro solitudine, nel qual caso è probabile che peggiori.

Secondo, capisci cosa sta facendo la solitudine alla tua mente e al tuo corpo . "Se non comprendi le complessità psicologiche della solitudine, non capirai cosa stai facendo", afferma White.

Terzo, risponde . "L'idea è di riconnettersi in sicurezza", dice Cacioppo. I social media non sono un sostituto per il contatto faccia a faccia, ma "è meglio di niente." White scoprì che i suoi sentimenti di solitudine cominciarono a cambiare quando si iscrisse ad una lega femminile di pallacanestro. "Ero nervoso. Ero impacciato. Ma mi sono costretto a farlo ", dice.

Un terapeuta può aiutare, specialmente se la solitudine è accompagnata da sentimenti di ansia o depressione. "La solitudine promuove la segretezza e la sfiducia", afferma White. "Se trovi qualcuno al di fuori della tua cerchia sociale ... puoi parlare davvero apertamente."

Se conosci qualcuno che è solo e vuoi aiutare, ecco alcuni dei suggerimenti di White:

  • Non inviare messaggi. Usa il telefono.
  • Se lasci un messaggio e non ricevi una chiamata di ritorno, richiamaci.
  • Imposta qualcosa di semplice, come una passeggiata. Mantenere la temperatura emotiva bassa.
  • Non sminuire ciò che sta passando la persona solitaria.
  • Riconosci che potresti dover fare più lavoro per ottenere lo stesso livello di risposta che otterresti da un altro amico.

Semplici atti di interazione sociale possono fare una grande differenza. Quindi, la prossima volta, dì "ciao" - al vicino ti sfiora mentre vai al lavoro, alla sorella che non hai chiamato da settimane, o al collega con cui raramente parli con la macchina del caffè.

" Se [una persona solitaria] è in grado di fare un altro amico, la solitudine inizia a diminuire ", dice Jacqueline Olds, MD, co-autore di The Lonely American. "Ogni sorta di cose spaventose diventa possibile quando hai un amico con cui farle." Ultimo aggiornamento: 8/4/2015

dr. sanjay gupta

Pubblica Il Tuo Commento